Estensione ai figli del diritto al congedo retribuito per l'assistenza dei disabili

Con la sentenza n°19 del 26/1/2009, la Corte Costituzionale ha esteso il diritto al congedo biennale retribuito per l'assistenza ai portatori di handicap anche ai figli conviventi, se sussiste l'assenza di altri soggetti idonei a prendersi cura della persona disabile.

Pur essendo la sentenza già pienamente effettiva, all'atto pratico occorrerà attendere le istruzioni applicative da parte degli enti previdenziali interessati.

Con questa nuova pronuncia della consulta, il novero degli aventi diritto si allarga ulteriormente e attualmente ricomprende:

  • i genitori del disabile o, in loro assenza, il fratello o la sorella convivente (art.42, comma 5, D.Lgs. n°151/2001);
  • il fratello o la sorella convivente con il disabile, nell'ipotesi in cui i genitori siano impossibilitati a provvedere all'assistenza del figlio handicappato perché totalmente inabili (sentenza C.Cost. 8 giugno 2005, n*233);
  • in via prioritaria, il coniuge convivente con il disabile (sentenza C.Cost 18 aprile 2007, n*158);
  • il figlio del disabile, in assenza di altri soggetti idonei a prestare assistenza (sentenza C.Cost. 26 gennaio 2009, n. 19);

Per quanto riguarda le caratteristiche del congedo, si rinvia al precedente articolo pubblicato in questa sezione.

Ultima modifica il Mercoledì, 09 Maggio 2012 10:03

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, visitare questa pagina.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information