Estensione del diritto al congedo retribuito per l'assistenza dei disabili ai parenti di 3° grado

Con la sentenza n.203 del 18 luglio 2013, la Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità della normativa sul congedo biennale per l'assistenza ai familiari disabili, "nella parte in cui non include nel novero dei  soggetti legittimati a fruire del congedo ivi previsto, e alle condizioni  ivi stabilite, il parente o l'affine entro il terzo grado convivente,  in caso di mancanza, decesso o  in  presenza  di  patologie  invalidanti
degli altri soggetti individuati dalla disposizione impugnata, idonei a prendersi cura della persona in situazione di disabilita' grave".

La Corte Costituzionale era già intervenuta in passato per ampliare il novero degli aventi diritto al congedo, estendendone la titolarità prima al coniuge e poi ai figli conviventi.

A seguito di questa nuova pronuncia, l'ordine degli aventi diritto al congedo è il seguente:

  • in via prioritaria, il coniuge convivente con il disabile;
  • in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge, i genitori del disabile;
  • in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del genitori, il figlio convivente con il disabile;
  • in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti di figli, il fratello o la sorella convivente con il disabile;
  • in caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti dei fratelli o delle sorelle, i parenti e affini fino al terzo grado conviventi con il disabile.

Ricordiamo che il congedo ha un durata massima di due anni, continuativi o frazionati, ed è retributito entro determinati limiti massimi, che per il 2013 sono pari a euro 96,48 (tetto massimo giornaliero) e a euro 35.215,00 (tetto massimo annuale).

Generalmente per la fruizione del congedo, è necessario allegare alla domanda la certificazione relativa all'handicap grave ai sensi della legge n°104/92 del coniuge/familiare per cui si chiede il permesso.
Nel caso dei grandi invalidi di guerra però, è sufficiente allegare il Mod.69 o equivalenti, ai sensi dell'art.38, comma 5, della legge n°448/98.

E' inoltre necessario che l'invalido non sia ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati.

Ultima modifica il Giovedì, 01 Agosto 2013 11:12

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, visitare questa pagina.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information