L'ANVCG alla Festa dell'Europa a Roma

Lunedì 9 maggio si è svolta in Piazza del Campidoglio a Roma una cerimonia in occasione della Festa dell'Europa, cui hanno partecipato l'Alto rappresentante dell'Unione per gli Affari esteri e la politica di sicurezza e Vicepresidente della Commissione europea Federica Mogherini, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega agli Affari europei Sandro Gozi, il Commissario Straordinario di Roma Capitale Francesco Paolo Tronca, la Dott.ssa Michela Corsi per il Ministero dell'Istruzione, Ricerca e Università, l'Associazione Nazionale degli Alpini e l'Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, oltre a 1500 bambini delle scuole materne e primarie.

La manifestazione si è aperta con l'arrivo di due enormi bandiere dell'Italia e dell'Europa, fornite dall'Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, portate in corteo dai bambini sulla scalinata che conduce in piazza del Campidoglio. Le due bandiere sono state accolte dal coro della scuola Sinopoli, cui sono seguiti l'Inno alla Gioia e l'Inno di Mameli, con l'accompagnamento della banda Musicale della polizia locale.

Il Presidente Nazionale dell'Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra Giuseppe Castronovo, nel suo saluto, ha voluto ricordare che l'Unione Europea è nata dalla tragedia della Seconda Guerra Mondiale che tante vittime ha mietuto tra i civili e che purtroppo ancora oggi vi sono decine di guerre in corso che infieriscono sulle popolazioni di tutto il mondo. Ha poi esortato i giovani presenti a coltivare nel loro cuore e nella vita di tutti i giorni l'anelito alla pace, che è il valore fondante dell'Europa e la base indispensabile per costruire un futuro migliore per tutti.

Il Commissario Tronca, che ha voluto fortemente questa iniziativa "per rinnovare insieme e con forza quell'idea di unità e di solidarietà che fu alla base della dichiarazione con cui, il 9 maggio del 1950, l'allora Ministro degli Esteri francese Robert Schuman delineò il progetto di pace e collaborazione tra i paesi europei", ha invitato gli alunni a "guardare ogni mattina in alto e cercare queste bandiere bellissime che giocano nel vento" e ha ringraziato le loro famiglie perché "contribuiranno a fare in modo che questi colori divengano i vostri colori".

Sandro Gozi ha paragonato l'Unione Europea a un supereroe che ha reso impossibile nuove guerre tra coloro che vi hanno aderito. "Avere superpoteri vuole dire avere super responsabilità" - ha sottolineato - "Come ha detto il Papa parlando dell'Europa, la vogliamo mamma non la vogliamo matrigna. Noi europei abbiamo fatto cose bruttissime nel ventesimo secolo ma abbiamo anche creato il supereroe Europa".

"L'Europa è come una famiglia, è la nostra casa, e quando in una famiglia c'è qualcuno che ha bisogno va aiutato, perchè il problema di ciascuno diventa un problema di tutti", ha voluto ricordare Francesca Mogherini, spiegando ai ragazzi che lo spirito europeo è racchiuso "nell'inno alla gioia che abbiamo ascoltato: l'Europa è nata e dobbiamo continuare a costruirla per essere più felici tutti insieme".

La manifestazione si è conclusa con un volo di centinaia di palloncini, ciascuno con un messaggio di pace, liberati dai ragazzi nel cielo di Roma.

Ultima modifica il Lunedì, 09 Maggio 2016 13:34

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, visitare questa pagina.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information